Il SIAN e la dematerializzazione dei registri vitivinicoli

Il SIAN consiste in una tipologia di sistema informativo dedicato esclusivamente ai servizi del comparto agroalimentare, agricolo e forestale. Venne messo a disposizione dagli appositi enti al fine di gestire correttamente i compiti e adempimenti previsti dalla PAC, nota anche come Politica Agricola Comunitaria. In particolare, si ha un riguardo nei confronti dei svariati settori di produzione agricola.


Sono disponibili svariati servizi del SIAN, i quali hanno differenti caratteristiche e finalità. A partire dal 1 Gennaio 2017 entrò in vigore una normativa riguardante il settore agricolo, il quale stabiliva l’obbligo della dematerializzazione di tutti i registri destinati ai vini. Questo obbligo è volto soltanto a determinati soggetti: ad esempio, sono esonerati coloro che non devono seguire le dichiarazione Agea, chi possiede dei depositi minori che hanno meno di 50 ettolitri di vino.


E’ possibile per tutti i soggetti che invece sono vincolati dalla normativa in questione utilizzare un apposito software, lo stesso che è stato messo a disposizione dal Sistema Informativo Agricolo Nazionale (noto per l’appunto come SIAN). Al fine di poter accedere a tale servizio è innanzitutto necessario registrarsi presso il sito apposito, per poi poter utilizzare questo software.
In alternativa, se si ritiene che questo non sia adeguato per il lavoro che deve svolgere è anche possibile utilizzarne uno da parti private, come aziende specializzate.

Dematerializzazione dei registri vitivinicoli: benefici

La dematerializzazione dei registri vitivinicoli prevede svariati vantaggi, come la possibilità di evitare frodi o contraffazioni alimentari e la capacità di effettuare delle analisi statistiche inerenti a tutti i dati provenienti dal gestore centrale. Questi ultimi sono strettamente necessari per i diversi ministeri e il MIPAAF.
La dematerializzazione, soprattutto per un territorio come l’Italia dove vi è una elevata produzione agricola e vitivinicola, è un grande vantaggio anche perché si possono ottenere degli strumenti ancor più ottimizzati rispetto a quelli attualmente in uso e per dei dati da ricevere direttamente in tempo reale, i quali possono aiutare a rispettare ulteriormente le esigenze delle aziende che lavorano in questo settore.


Al fine di poter effettuare la dematerializzazione registri vitivinicoli è necessario un software all’avanguardia, perfetto per svolgere differenti funzionalità.
Innanzitutto è necessario che riesca a gestire il processo produttivo senza sovraccaricarsi o mostrare dei difetti, per poi effettuare tutti i procedimenti inerenti agli obblighi commerciali e fiscali, processo che può far risparmiare del tempo.
Oltretutto il prodotto utilizzato deve essere rintracciabile grazie al software usato, e quest’ultimo deve anche avere la funzione di calcolare il margine di ricavo e il costo unitario del servizio offerto.


Il software deve inoltre garantire la possibilità di conservare ogni singola procedura all’interno della memoria, che siano operazioni fatte in cantina, vigna o azienda: così facendo non solo si conservano tutte le conoscenze acquisite ma si può anche preservare la qualità di tale prodotto.
La dematerializzazione dei registri vitivinicoli porta a svariati benefici, mentre lasciare un archivio cartaceo può essere non solo confusionario ma anche dannoso per la stessa azienda. Nello specifico i costi di archiviazione fisica e di stampa di tali documenti sono sicuramente superiori, e spesso a causa della confusione sono anche presenti dei duplicati.


Inoltre vi è un grande dispendio di risorse e tempo per poter classificare, archiviare o ricercare nuovamente i vari documenti cartacei.
L’utilizzo dell’inchiostro e della carta può inoltre creare un danno a sfavore dell’ambiente, mentre la dematerializzazione dei documenti consente una condivisione di questi ultimi molto più veloce e soprattutto un archivio perfettamente funzionante e ben organizzato.


La dematerializzazione dei registri vitivinicoli inoltre, al contrario dell’archivio di documenti fisici già esistente, non comporta affatto problematiche di privacy o sicurezza: infatti sarà possibile verificare chi e quando fa l’accesso a dei documenti ben specifici. Non si avranno più dei documenti non sufficientemente aggiornati o duplicati, e gli errori della data entry manuale saranno del tutto rimossi.

Come procedere alla dematerializzazione dei registri vitivinicoli

Per poter dematerializzare il proprio registro vitivinicolo è innanzitutto necessario avere ogni singolo documento cartaceo, in quanto dovranno essere poi convertiti in formato digitale, solitamente PDF. Al fine di digitalizzare un documento è consigliato l’utilizzo di uno scanner, il quale garantisce una copia identica all’originale di qualità.


Successivamente si deve utilizzare un software perfettamente adeguato e volto alla gestione dei documenti, che sia in grado di riporre tutti i documenti precedentemente digitalizzati all’interno di un archivio composto da cartelle e sottocartelle.


Questi file possono essere sistemati con cura e con l’ordine che più si desidera: sarà molto più facile effettuare una ricerca e ritrovare immediatamente il fascicolo ricercato, piuttosto che verificarne la ricerca all’interno di un intero archivio fisico.Il software in questione è volto anche all’archiviazione e può risolvere tutti gli svantaggi che invece si possono constatare con la presenza di un archivio fisico. Lo spazio riservato a quest’ultimo può essere utilizzato per qualcos’altro e tutti i documenti conservati possono essere interscambiati sia all’esterno sia all’interno dell’azienda per qualsiasi esigenza.

L’ultimo procedimento dell’utilizzo del software finalizzato alla dematerializzazione dei registri vitivinicoli consiste nella protocollazione: quest’ultima consiste nella loro registrazione in maniera univoca. Precisamente, quando ci si occupa di archiviare tutti i documenti in PDF in maniera corretta, per non confondersi questi vengono anche rinominati con uno specifico codice identificativo, volto a ritrovarlo subito nel momento della ricerca.


Così facendo tale codice mostra la data di acquisizione e provenienza dei documenti appena dematerializzati: tale procedimento è obbligatorio per legge. E’ anche consigliabile affidarsi ad aziende di terze parti in grado di offrire software per processi di dematerializzazione dei registri vitivinicoli.

Hai bisogno di supporto per la dematerializzazione dei registri vitivinicoli della tua azienda? Contattami qui.

EnglishItalian

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare il traffico.

Cookie Necessari

Cookie Preferenza

Cookie Marketing

Cookie Statistici