Scroll Top

Codice IPA fattura elettronica: cos’è e a cosa serve

Codice IPA: cos’è?

Il codice IPA, acronimo di Indice delle Pubbliche Amministrazioni, è una sequenza alfanumerica che viene utilizzata per identificare le Pubbliche Amministrazioni (PA) e altri enti come le imprese o i liberi professionisti nell’ambito della fattura elettronica. Il suo obiettivo principale è garantire l’unicità dell’identificazione nell’ambito del sistema di interscambio.

Esso è parte integrante del Sistema di Interscambio (SdI), un’infrastruttura tecnologica sviluppata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che consente la trasmissione, la ricezione e l’archiviazione delle fatture elettroniche. Il sistema di interscambio svolge un ruolo centrale nel processo di fatturazione elettronica, agendo come un intermediario tra il mittente e il destinatario della fattura.

A cosa serve il codice univoco IPA?

Il codice univoco IPA serve a garantire l’unicità dell’identificazione di un’entità (sia essa una PA, una società o un libero professionista) nel Sistema di Interscambio. Questo garantisce che la fattura elettronica venga inviata al destinatario corretto e non ad altri enti. Inoltre, il codice univoco IPA è fondamentale per garantire la tracciabilità del processo di fatturazione elettronica. Ogni volta che una fattura elettronica viene inviata, il Sistema di Interscambio registra il codice IPA del mittente e del destinatario, garantendo così una registrazione accurata e tracciabile delle transazioni.

Dove posso trovare il codice IPA per la fatturazione elettronica?

Il codice IPA è facilmente reperibile online.

Il sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) fornisce un motore di ricerca dedicato che può essere utilizzato per trovare il codice univoco di un’entità. È sufficiente inserire il nome dell’ente o della società nel motore di ricerca per ottenere il codice IPA corrispondente.

Inoltre, se si rappresenta una PA, una società o un professionista che ha appena iniziato a utilizzare la fatturazione elettronica, il codice IPA verrà fornito come parte del processo di registrazione al Sistema di Interscambio.

Quante cifre ha il codice IPA?

Il codice IPA è un codice alfanumerico che può variare in lunghezza. Tuttavia, di solito è composto da 6 a 7 caratteri. Questa lunghezza può variare a seconda della natura dell’ente. Ad esempio, le Pubbliche Amministrazioni tendono ad avere codici IPA più lunghi rispetto alle società private o ai professionisti.

Nonostante le variazioni di lunghezza, ogni codice IPA è unico e non può essere duplicato, garantendo così l’unicità dell’identificazione di ogni entità nel Sistema di Interscambio.

Codice IPA fattura elettronica: dove inserirlo?

Il Codice IPA deve essere inserito nel campo apposito nel modulo della fattura elettronica. Questo campo è tipicamente etichettato come “Codice Destinatario” e può essere trovato nella sezione “Dati di Trasmissione” del modulo di fattura.

È importante notare che, se il destinatario della fattura elettronica è una Pubblica Amministrazione, l’inserimento del codice IPA è obbligatorio. Se invece il destinatario è un’impresa o un professionista, e non dispone di un codice IPA, si può utilizzare il codice “0000000” o il codice del proprio intermediario, se si ha scelto di utilizzarne uno per gestire il processo di fatturazione elettronica.

Ricordiamo che l’errata indicazione del codice IPA può comportare il mancato recapito della fattura alla Pubblica Amministrazione destinataria, con conseguenti possibili sanzioni. Pertanto, è fondamentale utilizzare il codice IPA corretto quando si emette una fattura elettronica.

TI INTERESSA CAPIRE MEGLIO COME FUNZIONA IL CODICE IPA?
COMPILA IL NOSTRO MODULO PER RICEVERE ULTERIORI INFORMAZIONI