È italiana la società che ha ottenuto il primo brevetto in Europa di conservazione digitale di dati a norma di legge pensato per le blockchain.  Il sistema nasce da un’intuizione di Savino Solutionssoftware house, specializzata nella conservazione e digitalizzazione a norma. Il brevetto è costato oltre 2 milioni di euro di investimenti:

“Il nostro sistema è pensato per quelle blockchain che avranno valore legale, secondo il Decreto Semplificazione 2019. Cosa facciamo? Conserviamo nel tempo, a norma di legge, i blocchi di blockchain con dati di varia natura (per esempio quelli dei flussi finanziari). Lo facciamo con una nostra tecnologia proprietaria: una tecnologia in cloud che usa algoritmi per gestire i dati e soprattutto per renderli opponibili a terzi”, spiega Nicola Savino.

Continua a leggere.