Fatturazione Elettronica B2B obbligatoria: perché in tanti vogliono la proroga e perché in tanti la odiano

Pubblicato da
Perchè tutti odiano la fatturazione elettronica ?
Perchè tutti odiano la fatturazione elettronica ?

Si avvicina il 1° Gennaio, il giorno in cui cambierà il nostro modo di fatturare….forse

Le vere ragioni che rendono così temibile questa innovazione, ma che nessuno osa dire. Ma quali sono i reali “vantaggi” nel farla, al di là degli “slogan” delle software house? E perché, se la rimandiamo, potremmo finire divorati da rimpianti?

In questo articolo ti farò osservare il dibattito sulla Fattura Elettronica – e sul perché, quasi tutti, sognano una proroga – da una prospettiva diversa dal solito.
Diversa da quella del commercialista, diversa da quella dell’azienda che produce software gestionali, integrazioni e plugin.
La prospettiva di un “ dematerializzatore” che da 10 anni divulga e tratta tematiche sulla digitalizzazione a norma e che ha accompagnato decine di migliaia di aziende verso la Fattura Elettronica, quando questa non era assolutamente obbligatoria.
Da questo angolo di visuale, ti farò scoprire una faccia di questa materia che non avevi ancora visto e che – spero – ti tornerà utile per le decisioni future e per le conseguenze che esse potranno avere sul tuo business.
Qualunque esso sia.
Una prospettiva dalla quale vedere oltre le normative, gli obblighi di legge e gli strumenti con cui Agenzia delle Entrate ci potrà tenere maggiormente sotto controllo (il che non piace ai più, anzitutto come principio più che per il bisogno di nascondere qualcosa).
Mentre leggi questo articolo, ricorda che la clessidra scorre silenziosa e inesorabile
 
Ti scrivo nel cuore di Settembre. Abbiamo ancora la sabbia nelle orecchie e il segno dell’abbronzatura sotto all’orologio, ma tra poche settimane inizieranno le pubblicità dei panettoni e, in men che non si dica, ci ritroveremo un albero di Natale in salotto.
 
Da lì ai botti di capodanno, che saluteranno l’arrivo del 1° Gennaio, il passo è brevissimo.
 Ciò nonostante, molte aziende stanno ancora aspettando ad implementare la Fattura Elettronica.
Perché?
Fondamentalmente per tre motivi:
1) Perché tendono a credere alla visione “comoda”, prodotta da una parte degli operatori di mercato, che spacciano la Fattura Elettronica per un plugin del gestionale.
Una semplice trasposizione di un file da PDF a XML, con qualche ingrediente aggiuntivo.
2) Perché credono che – essendo facile e veloce da implementare – è possibile metterla a punto anche in modalità “last minute”
3) Perché meglio lavorarci in extremis, dopo aver acquisito la certezza che è entrata davvero in vigore, piuttosto di investire per mettersi in regola con una norma che all’ultimo salta
Ma se anche tu stai ragionando in questo modo, stai commettendo un errore e ora ti spiego perché
Perché la Fatturazione Elettronica non è un file XML che sostituisce il PDF.
E’ un processo! E come tale ha bisogno di un percorso per arrivare a regime.
Ma questo te lo sarai sentito dire milioni di volte e, per quanto autorevoli fossero le fonti che te l’hanno spiegato (magari anche più autorevoli di me), non ti sei mai lasciato convincere.
A ognuno le proprie scelte e le proprie opinioni.
Ma se guardi i numeri delle svariate survey mondiali, che si occupano di captare i movimenti delle economie legate al fenomeno della propagazione degli algoritmi e della digitalizzazione nelle aziende, ti accorgi tu stesso – in modo oggettivo – che stai inconsapevolmente ignorando un aspetto.
Entro un quinquennio, la gestione del “dato informatico” diventerà la materia prima di ogni azienda sul pianeta terra.
Non sto parlando di concetti roboanti su industria 4.0, che probabilmente – a torto o a ragione – senti come dannatamente lontani dalla tua quotidianità di imprenditore che opera in Italia.
Sto parlando di asset che, in modo silente ma inesorabile, si stanno affermando come nuovi standard d’impresa. Come avvenne per gli smartphone e come avvenne per “l’indotto” che si sono trascinati dietro.
Chi avrebbe mai pensato, 10 anni fa, quanto sarebbe stato importante uno smartphone con un buon contratto pieno di “Giga” nella tua vita professionale?
Lo stesso “moto silenzioso” sta portando al vertice dei “bisogni” strumenti come chatbot, piattaforme per e-commerce, social network, webinar e Video Engagement.
Che tu ne abbia già implementato qualcuno o meno, questo genere di strumenti catturano di più la tua attenzione perché ti danno la sensazione di arricchire e potenziare il tuo modo di stare sul mercato, mentre la Fattura già la fai in PDF e la mandi via mail, quindi ti interessa poco rimetterci mano.
Ma come puoi introdurre degli strumenti digitali per migliorare le tue vendite e la “customer experience” in generale, se non automatizzi anche l’ultimo miglio del tuo processo commerciale.
Cioè appunto la fattura.
Ecco dove si nasconde il vero “vantaggio competitivo” della Fattura Elettronica che tu non riuscivi a vedere, pensando fossero solo slogan e mosse pubblicitarie
Se perdi il treno della Fatturazione Elettronica, e della reingegnerizzazione dei processi che portano alla Fattura, ti precludi la possibilità di fare un passo dentro al perimetro di innovazione, attorno al quale sta cambiando il modo di stare sul mercato, commettendo un autogol clamoroso.
Nella corsa verso un futuro dominato dal “dato informatico”, come “materia prima” essenziale per qualsiasi azienda, in qualunque business, sicuramente ora come ora i primi posti di questo “trend” sono occupati da asset “poco invasivi”, a partire da quelli che permettono di migliorare e prolungare l’interazione con i clienti nel corso delle 24 ore.
Ma subito dopo sarà la volta della contabilità.
Una contabilità gradualmente lasciata agli algoritmi.
Grazie ai quali l’imprenditore e il suo commercialista di fiducia non dovranno più perdere la testa per ricordare gli adempimenti e le scadenze, non dovranno più sudare 7 camicie per mettere insieme i dati fondamentali per l’elaborazione delle strategie d’impresa.
Siamo agli inizi di una rivoluzione silente, al di là degli articoli roboanti su industria 4.0 e scenari fantascientifici che sembrano distanti anni luce dalla quotidianità della “azienda tipo” italiana, fatta da pochi dipendenti se non soltanto da un paio di scrivanie occupate dall’imprenditore e qualche parente.
Una di queste mattine ti sveglierai e ti accorgerai che tutte le imprese del vicinato prendono le loro decisioni sulla base di dati incrociati, all’interno di piattaforme che permetteranno di prendere le decisioni finanziarie e fiscali migliori, sgravando l’imprenditore da queste incombenze e lasciandoli liberi di esprimere il loro vero potenziale visionario e creativo.
Tu hai tre opzioni::
– essere una di quelle imprese
– restare tagliato fuori in un limbo che catapulterà la tua azienda in una dimensione isolata dal business
– correre in fretta e furia, bruciando budget che non avresti mai dovuto investire, per metterti al passo
Di queste tre, solo la prima costituisce un’opzione sicura e prosperosa per la tua azienda.
Ma per rientrare tra le imprese dell’opzione 1, devi cominciare a reingegnerizzare i tuoi processi di business e – perché no – cominciando proprio dalla Fattura Elettronica.
Non farti influenzare dagli obblighi di legge, dalle proroghe e dagli slogan delle software house; implementare la Fattura Elettronica, quella vera, richiede tempo – oltre alla consapevolezza di poter commettere qualche passo falso
 
Seguo 30.500 clienti, tra cui 400 multinazionali e oltre 30.000 medie imprese che fanno Fattura Elettronica anche senza obbligo.
Nessuna di loro è stata inghiottita da un buco nero per aver osato tanto, in compenso – oltre ad aver raggiunto obiettivi probabilmente secondari ai tuoi occhi (dematerializzazione delle procedure e degli archivi cartacei, archivi digitali centralizzati, disponibilità immediata di qualsiasi documento nel mondo, ecc), anche se non dovresti vederli così – queste imprese fanno logistica, delivery e gestione commesse in digitale.
Risparmiando un sacco di soldi.
Ma so che non ci credi perché te l’hanno raccontata troppe volte questa storia, quindi non mi soffermo su questo.
Il punto è che queste sono aziende pronte e mature per recepire i nuovi asset destinati a diventare, silenziosamente, degli standard che tutti gli imprenditori vorranno avere in azienda, come gli smartphone e i tablet che solo una decina di anni fa nessuno si filava
Aziende lungimiranti che hanno già “ messo a capitale”  la vera materia prima di questo secolo, ovvero il dato digitale e lo hanno fatto quando avevano tempo e modo di fare passi falsi, tornare indietro, rifare da capo, investendo budget molto più bassi che in futuro, quando questi strumenti diventeranno indispensabili e avranno un valore di mercato molto superiore rispetto ad oggi, che sono visti come gadget e “abbellimenti”.
Inizia a guardare alla Fatturazione Elettronica con occhi diversi
Non ascoltare gli slogan di chi ti vuole mettere in testa che la fattura elettronica sia solo un banale file xml, che devi fare per forza per allinearti ad una normativa indigesta.
Inizia a ritagliarti del tempo per impostare un programma di reingegnerizzazione di quei processi che culminano con la Fattura, indipendentemente dalle proroghe.
Non farlo perché te lo dico io o perché te lo impone – eventualmente – il governo o l’ente di turno. Fallo perché questo “esercizio” è ciò che ti serve per cominciare a stimolare quei “muscoli” della tua impresa che oggi non usi, se non magari proprio a livello sperimentale con qualche passo avanti verso l’innovazione cui hai deciso di dare un’opportunità in qualche area della tua azienda.
Inizia adesso a pensare in digitale per proiettare la tua impresa, con i suoi dipendenti e con il sogno che hai saputo costruirci attorno, in un futuro che è già qui.
Ed è per questo motivo che puoi registrarti gratuitamente al secondo Webinar sulla Fatturazione Elettronica che si terrà il 15 Ottobre dalle 15 alle 16, dove presenterò alcuni casi studio e pratici per gestire correttamente la fattura elettronica senza commettere sanzioni ed errori che porteranno al blocco della tua azienda. Inoltre nel Webinar risponderemo alle domande dei partecipanti e verranno fornite anche indicazioni pratiche per reingegnerizzare e digitalizzare a norma di legge il processo di amministrazione contabile e fiscale rispetto alle novità e obblighi normativi che saranno introdotti al 1 Gennaio 2019, senza possibilità di ulteriori proroge.
Per registrarti ora gratuitamente al Webinar prima che finiscano i posti, clicca qui. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.