Cos’è la fatturazione elettronica

Pubblicato da

Cos’è la Fatturazione Elettronica ?

La Fatturazione Elettronica è un processo regolamentato dalla legge italiana che permette di gestire e conservare direttamente in digitale sia il ciclo attivo sia il ciclo passivo delle fatture di un’azienda. Con l’introduzione del Decreto Attuativo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del 22 maggio 2013, a titolo “Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell’articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244“ i fornitori (aziende, enti e professionisti) delle Pubbliche Amministrazioni, dovranno emettere fatture in formato elettronico ed essere trasmesse alle Amministrazioni destinatarie attraverso il sistema di interscambio (SdI) di cui al DM 7 marzo 2008, gestito dall’Agenzia delle Entrate.

La Fatturazione Elettronica B2B tra Privati.

Anche tra i privati e quindi anche per la Fatturazione Elettronica B2B sarà possibile dal 1 Gennaio 2017, sempre tramite il Sistema di Interscambio, scambiarsi fatture elettroniche tra aziende e professionisti come sancito dal DL 127/2016 e DL 193/2016 e dal recente Provvidemento dell’Agenzia delle Entrate.

La fatturazione elettronica tra privati rappresenta un enorme vantaggio per tutte le aziende italiane, di digitalizzare i proprio processi aziendali semplificandoli e rendendoli innovativi, sicuri e semplici.

Sarà dunque possibile dal 1 Gennaio 2017 generare nativamente fatture elettroniche attive e passive , avendo anche i seguenti vantaggi fiscali :

  1. L’esclusione dalla trasmissione delle transazioni attraverso lo spesometro;
  2. L’esclusione dalla trasmissione delle comunicazioni operazioni blacklist;
  3. L’esclusione dalla trasmissione degli acquisti effettuati da operatori di San Marino;
  4. L’esclusione dalla trasmissione dei modelli Intrastat;
  5. L’esclusione dalla trasmissione dei contratti stipulati dalle società di leasing;
  6. Il diritto a ricevere rimborsi entro i 3 mesi successivi alla presentazione della dichiarazione;
  7. Le verifiche e controlli e accertamenti fiscali ridotti a 2 anni;
  8. L’esonero dall’obbligo di apposizione del visto di conformità;
  9. L’esonero dall’obbligo di registrare le fatture emesse e gli acquisti nell’apposito registro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.