Perchè il commercialista non può fare a meno della firma grafometrica

Pubblicato da

Sulla firma grafometrica (o biometrica o firma elettronica avanzata o come vi piace chiamarla) ho già detto molto attraverso il Webinar che ha avuto più di 1000 visualizzazioni e che descrive passo passo un processo di firma su tablet con tutti i riferimenti normativi. Quindi se non lo avete ancora visto, vi consiglio di registrarvi al blog gratuitamente per visionarlo.

Dunque, arriviamo al titolo del post : perchè il commercialista non può fare a meno della firma grafometrica. E per rispondere a questa imposizione, partiamo da lontano, vedendo anche cosa dice la “buona” Agenzia delle Entrate e la normativa in generale.

Esiste la risoluzione dell’8 agosto 2008, n. 354/E sempre dell’Agenzia delle Entrate che risponde ad un interpello di un’associazione di dottori commercialisti e revisori contabili, in cui si fa riferimento alla conservazione sostitutiva delle copie dei dichiarativi. In questa risoluzione si espone :

Ai sensi dell’articolo 3, comma 9, del D.P.R. n. 322 del 1998, “I contribuenti e i sostituti di imposta
che presentano la dichiarazione in via telematica, direttamente o tramite i soggetti di cui ai commi 2-
bis e 3, conservano, per il periodo previsto dall’articolo 43 del decreto del Presidente della Repubblica
29 settembre 1973, n. 600, la dichiarazione debitamente sottoscritta e redatta su modello conforme a
quello approvato con il provvedimento di cui all’articolo 1, comma 1, nonché i documenti rilasciati dal
3 soggetto incaricato di predisporre la dichiarazione. L’Amministrazione finanziaria può chiedere
l’esibizione della dichiarazione e dei suddetti documenti.”
Il successivo comma 9-bis del medesimo articolo 3 dispone che “i soggetti incaricati della
trasmissione delle dichiarazioni conservano, anche su supporti informatici, per il periodo previsto
dall’art. 43 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, copia delle dichiarazioni trasmesse, delle quali
l’Amministrazione finanziaria può chiedere l’esibizione previa riproduzione su modello conforme a
quello approvato (…)”.

E ancora :

Dal dato testuale della norma si evince che la sottoscrizione della dichiarazione è un elemento
essenziale della dichiarazione conservata dai contribuenti e dai sostituti di imposta. Analogo requisito
non è, invece, prescritto per i soggetti incaricati della trasmissione che conservano su supporto
informatico le copie delle dichiarazioni trasmesse, a condizione che queste siano riproducibili su
modello conforme a quello approvato.
Coerentemente con tale interpretazione, la risoluzione n. 298/E del 18 ottobre 2007 precisa che le copie
conservate su supporto informatico dal soggetto incaricato della trasmissione possono “anche non
riprodurre la sottoscrizione del contribuente”. Inoltre, attesa la natura di documento informatico della
copia della dichiarazione creata su supporti informatici, l’obbligo di conservazione può essere assolto
nel rispetto delle modalità previste dall’articolo 3 del D.M. 23 gennaio 2004.

Dunque considerando quello che dice la suddetta risoluzione ed anche quella di Ottobre 2007, fin ora i commercialisti, i CAF e centri servizi hanno avuto la possibilità di mandare in conservazione sostitutiva i dichiarativi secondo i processi descritti sopra e secondo le disposizioni dell'”immortale” D.M. del 23 Gennaio 2004. Certo non è proprio così facile come lo descrive la risoluzione, difatti durante le mie consulenze, ho risolto diversi dubbi e richieste da parte di clienti che pensavano bastasse leggere queste poche righe e risolvere i loro problemi. Ma andiamo avanti col post….

Quindi ad un certo punto grazie al Dlgs 235/2010 e le nuove regole tecniche (ops bozze..ma stiamo lì li per vederle approvate) è entrata in vigore e prepotentemente la firma elettronica avanzata che diviene, secondo processi ben precisi che potete sempre vedere nel Webinar, firma grafometrica o biometrica. Ricordate questo concetto fondamentale : la firma grafometrica è un processo non un prodotto, nè tantomeno un software!

Detto in poche parole la firma grafometrica è qualcosa di molto simile a quanto esposto in figura :

Firma grafometrica

Questo implica che senza tablet, senza un servizio di conservazione sostitutiva, senza biometria, senza la cifratura, senza standard, la firma grafometrica non esiste! Quindi diciamo subito che le firme che qualcuno di voi lettori (certamente qualcuno ci pensa) avrà visto all’opera tipo quelle sul nuovissimo Galaxy Note 2 (ma ne esistono tanti)  , non sono assolutamente firme elettroniche avanzate, quindi hanno valenza legale più o meno vicina allo zero. ATTENZIONE : se utiizzati cosi come sono cioe senza l’utilizzo di processi di firma avanzata . Quindi non pensate che basta comprare un tablet, dopo serve anche il processo. Infatti sono presenti sul mercato tantissime soluzioni di firma grafometrica appoggiate a diversi tablet tra cui anche quello di samsung.

Per un commercialista la firma grafometrica è una manna dal cielo e per dire ciò, già bastano le sole considerazioni fatte fin qui sia sulla conservazione sostitutiva dei dichiarativi sia sulla firma elettronica avanzata. Ma pensate anche a questo :

  • La copia ad uso interno con la firma del contribuente non viene più stampata
  • La copia del contribuente non viene stampata e archiviata
  • Non viene stampata la documentazione probatoria della dichiarazione
  • Il commercialista può offrire il servizio di conservazione sostitutiva ai suoi clienti
  • Si eliminano tutte le difficoltà che comunque esistono nelle risoluzioni di cui sopra dell’Agenzia delle Entrate
  • I clienti del commercialista non devono imparare a fare altre cose, firmano come facevano da bambini
  • Non si vede un figlio di carta in ufficio
  • Ci si sente completamente nativi digitali e si ha la bella sensazione di usare al meglio le nuove tecnologie
  • Si utilizza una tecnologia usabile

Ah e dimenticavo, diciamoci anche la verità….si risparmiano anche un sacco di soldini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.