7 commenti

  1. sarei interessato a conoscere se esiste una metodologia che permetta di controllare più documenti firmati (validità e data della firma) in maniera automatizzata, fornendo al sistema un insieme di files. Grazie

  2. Salve

    esistono diversi metodi per verificare più documenti. Il primo è quello di dotarsi di un software non gratuito ma a pagamento e il secondo è quello tramite un sevizio WEB fornito da un cosiddetto HSM, Hardware security module, un server con requisiti idonei per la gestione automatizzata delle firme digitali e marche temporali.

  3. Ciao Nicola, quasi tutti i video non sono visibili a tutto schermo. Solo il webinar 2 risulta attiva la funzione a tutto a schermo.
    E’ possibile rimediare per una migliore fruizione?
    Grazie

  4. Gent.mo Dott. Savino, mi piacerebbe conoscere la Sua opinione circa la valenza probatoria di un riferimento temporale costituito dal Protocollo informatico di una P.A. Ho trovato in rete diverse sentenze secondo le quali il protocollo di un Ente Pubblico è “.. un atto pubblico di fede privilegiata … ” soprattutto quanto si tratta di un Protocollo elettronico, assoggettato quindi a firma elettronica (user e password) da parte dell’ operatore dell’ Ente. RIngrazio anticipatamente per la collaborazione
    Lorenzo COsta

  5. Carissimo Dott. Costa, confermo la sua impressione, ma tenga conto che la condizione necessaria e sufficiente è che ci sia un protocollo formato nel rispetto del DPCM del 3 Dicembre 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *